Montemiglio

ITINERARIO A: MONTEMIGLIO

San Pietro Avellana – Monte Miglio

TEMPO DI PERCORRENZA: 3-6 ore
LUNGHEZZA: Km 8-10
DIFFICOLTA’‘: Medio-Difficile
DISLIVELLO: m 450
ABBIGLIAMENTO E STRUMENTI CONSIGLIATI: Scarpe comode, binocolo, macchina fotografica.
ELEMENTI CARATTERIZZANTI L’ITINERARIO: Splendidi boschi, resti cinta fortificata sannita (II-III sec. a.C.), resti insediamento medievale con torri (XI sec. d.C.), punto panoramico.
PERIODI CONSIGLIATI: Da Marzo a Ottobre

Il percorso parte da Piazza Umberto I, attraversa il paese fino ad arrivare allo svincolo per “S.Amico – Mura ciclopiche”; lasciando la strada principale si prosegue per un km fino ad un altro bivio dove svolta in direzione “Mura ciclopiche” per un altro km fino ad arrivare ai piedi del monte.
A questo punto finisce la strada asfaltata e si prosegue cominciando ad addentrarsi nel bosco, sempre senza lasciare il sentiero, per circa 1,5 km fino ad arrivare su una piana ai piedi del cucuzzolo del monte; da lì non c’è più il sentiero che ci aiuta e si sale rimanendo sempre sulla cresta della montagna e dopo poche decine di metri incontriamo i resti della prima cinta di fortificazione.
Arrivati qui proseguiamo costeggiando le mura che ci raccontano millenni di storia e ci portano direttamente sulla cima del monte incontrando ruderi di costruzioni, resti delle altre cinte fortificate e terrazzamenti dove probabilmente si sviluppava la città.
Sulla cima del monte osserviamo la parte più importante dell’agglomerato sannita e possiamo osservare come sia stato riutilizzato nei secoli successivi e precisamente nell’ XI d.C. quando i Borrello vi costruirono un castello del quale si possono ancora osservare i ruderi delle due torri di osservazione.
Queste costruzioni sono state usate anche in tempi recenti quando i cittadini sampietresi furono costretti a rifugiarsi proprio sulla cima del monte per sfuggire all’esercito tedesco che aveva occupato il paese durante la Seconda Guerra Mondiale.